Scuola Germanica
Sprache / Lingua icone de
icona it

La scuola

 

Le materie di studio

Tedesco

Il tedesco costituisce alla Scuola Germanica di Genova il fulcro dell’insegnamento e dell’apprendimento: la trasmissione della cultura e della lingua tedesca è, infatti,  compito primario delle scuole tedesche all’estero. Alla DSG la maggior parte delle materie viene insegnata in lingua tedesca; questo richiede un impegno notevole per quanto riguarda la disposizione all’apprendimento e le competenze linguistiche e sociali degli allievi, ma anche dei docenti.

Tutti i nostri allievi hanno bisogno di  incentivazione linguistica:

• gli allievi di madrelingua tedesca, poiché in questa scuola vivono in un’isola linguistica, inserita in un contesto di lingua italiana;
• gli allievi di madrelingua italiana o bilingui italiano-tedesco, poiché devono imparare, in parte o completamente, la lingua tedesca ed esercitarla.

Intendiamo quindi offrire un insegnamento del tedesco che sia contenutisticamente di alto livello, che nella didattica e nel metodo tenga conto anche del moderno insegnamento delle lingue straniere (DaF: tedesco come lingua straniera ) e riservi ampio spazio ai contenuti interculturali.

Il programma didattico del Land Turingia costituisce la base dell’insegnamento del tedesco nell’attuale configurazione scolastica interna.

• Già al Kindergarten i futuri allievi acquistano familiarità con la lingua tedesca  attraverso il gioco.
• Nella scuola primaria i fondamenti della lingua tedesca vengono trasmessi attraverso una varietà di metodi  didattici atti a favorire la stabilità dell’apprendimento.
•  A partire dalla classe 6 l’insegnamento del tedesco si basa sul libro di testo “Deutschbuch” (Ediz. Cornelsen). Oltre alle lezioni curriculari le classi 5, 6, 7 usufruiscono di un corso di DaF (tedesco per stranieri) - tre ore in cl. 5 e 6, un’ora in cl. 7 - al termine del quale sostengono l’esame per il Deutsches Sprachdiplom (DSD 1).
• Nelle classi 11, 12, 13 gli allievi studiano anche la letteratura tedesca e le sue epoche. Dall’anno scolastico 2014/15 in tutte le scuole tedesche in Italia e in Grecia si svolgerà il Regionalabitur, cioè gli allievi di tali scuole sosterranno le stesse prove d’esame di maturità.

Quando i nostri allievi affrontano l’esame di maturità, hanno raggiunto un notevole livello di competenza anche per quanto riguarda l’aspetto linguistico, e sono quindi in grado di intraprendere uno studio o un’attività professionale in Germania.

Italiano

La materia Italiano riveste un ruolo fondamentale nell’ambito del piano formativo e linguistico della DSG, in quanto lingua della nazione ospitante, lingua madre della maggior parte degli alunni e seconda lingua veicolare nello studio delle materie insegnate. L’apprendimento della lingua italiana è di grande importanza anche per gli alunni stranieri, quale veicolo di integrazione e socializzazione. Al fine di facilitare tale processo di integrazione linguistica è attivo presso la scuola il corso di IaF (Italienisch als Fremdsprache / Italiano come lingua straniera), riservato agli studenti di madrelingua non italiana.

L’insegnamento dell’Italiano inizia nella classe 1 e si protrae fino alla classe 12, al termine della quale gli alunni possono sostenere l’esame di maturità e conseguire il diploma di Scuola Secondaria di II Grado. La programmazione didattica di Italiano è strutturata secondo le indicazioni e le direttive del Ministero dell'Istruzione e dell'Università (MIUR), pertanto gli alunni che frequentano la DSG svolgono il medesimo programma della scuola italiana. Per quanto concerne il ciclo secondario di II grado la programmazione didattica segue le indicazioni ministeriali dei licei classici e scientifici: gli allievi che si diplomano alla DSG hanno quindi la possibilità di acquisire e sviluppare competenze linguistiche e culturali specifiche attraverso lo studio approfondito della letteratura italiana.  

Gli insegnanti di Italiano hanno l’obiettivo di formare gli allievi della DSG non solo da un punto di vista linguistico, ma anche rispetto al loro senso di appartenenza alla cultura italiana, in quanto circa il 90% delle famiglie che iscrivono i loro figli alla Scuola Germanica di Genova è di nazionalità italiana. In vista di tali obiettivi nel corso degli anni alla DSG si è sviluppata una didattica volta a perfezionare le competenze linguistiche nell’ambito di un contesto scolastico in cui il bilinguismo, oltre ad essere un valore in se stesso, rappresenta un’occasione per riflettere sulla propria lingua madre e sulla propria cultura in modo consapevole. Per questo motivo nella scuola elementare gli alunni affrontano lo studio della lingua italiana attraverso un approccio contrastivo,  dall’alfabetizzazione fonologica, fino alla morfologia e ai primi rudimenti di sintassi.

Durante il primo ciclo del percorso scolastico, inoltre, gli insegnanti accompagnano gli alunni nel loro processo di apprendimento attraverso metodologie che li aiutano a sviluppare il sentimento di autostima attraverso la costruzione e il consolidamento di un metodo di lavoro autonomo. Tale approccio continua anche nella scuola secondaria, nella quale il confronto tra l’italiano e le altre lingue assume sempre più il carattere di un incontro proficuo tra le culture europee, che consente agli alunni della DSG di ampliare il proprio orizzonte culturale e di aprirsi al mondo.

Matematica

L’insegnamento della matematica, attraverso forme di apprendimento mirate a incentivare l’attività autonoma e individuale, porta gli allievi ad acquisire ad acquisire il metodo e le competenze specifiche della materia.

Fulcro dell’insegnamento sono  le strategie di risoluzione dei problemi e la creazione e applicazione di modelli matematici per la soluzioni di problemi della vita reale.

A supporto del processo di apprendimento la scuola dispone di una buona attrezzatura di media, come lavagne multimediali e computer portatili collegati ad una dockstation. L’insegnamento della matematica prevede quattro ore settimanali di lezione  in tutte le classi del Gymnasium.

Glossario di matematica

Inglese

«Think like a wise man but communicate in the language of the people».
William B. Yeats, poeta irlandese

L’obiettivo primario dell’insegnamento dell’inglese è lo sviluppo di una competenza comunicativa, che metta gli allievi in condizione di affrontare con successo dal punto di vista linguistico il maggior numero possibile di situazioni. La capacità di espressione e di comprensione orale viene pertanto incentivata alla pari della produzione scritta e della comprensione nella lettura.

In classe 4, in forma ludica e attraverso metodi orientati all’azione e all’esperienza, vengono poste le basi per un efficace apprendimento linguistico e viene incentivato il piacere di utilizzare la lingua. L’obiettivo in questa fase è infatti quello di sviluppare negli allievi l’orecchio per la lingua inglese, di sfruttare la loro naturale capacità di imitazione affinché acquisiscano una pronuncia quanto possibile vicina a quella di un allievo madrelingua e sviluppino un atteggiamento positivo verso la lingua. Inoltre gli allievi acquisiscono la lingua inglese scritta in modo adeguato all‘età e tuttavia orientato ai risultati in relazione al lessico da loro utilizzato, e vengono sviluppate in modo ludico le prime strategie per raggiungere un certo livello di correttezza ortografica e per apprendere più facilmente l’ortografia inglese.

Dalla classe 5 (dapprima quattro ore settimanali di lezione, poi tre ore partire dalla classe 8) l’insegnamento dell’inglese si base sul libro Green Line (Ediz. Klett) e, pur mantenendo all’inizio l’impostazione orientata a situazioni ed esperienze, acquista però un carattere sempre più cognitivo, promuovendo la riflessione linguistica, porta gli allievi a comprendere anche come è strutturata la lingua. Attraverso un lavoro autonomo o in coppia, accanto allo sviluppo della competenza sociale e di metodo, aumenta anche per ogni allievo la possibilità di parlare.

Nelle ultime classi del Gymnasium (tre ore settimanali di lezione in classe 10, poi quattro ore in classe 11 e 12) l’insegnamento dell’inglese è incentrato, attraverso l’analisi di testi autentici, sulla trattazione di temi relativi alla cultura del paese e sull’interpretazione di opere della letteratura inglese. Per quanto concerne la competenza linguistica, di regola gli allievi della DSG al momento della maturità hanno raggiunto il livello C1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue [QCER], cioè il secondo livello più alto, che dà diritto all’ammissione alla maggior parte delle università di lingua inglese.

Il successo dell’insegnamento dell’inglese alla DSG è evidente anche dagli esami esterni. Accanto agli eccellenti risultati delle classi 6 e 8 nei tests di competenza, che confrontano il livello linguistico con quello degli allievi della Turingia, molti dei nostri allievi superano gli esami ESOL della University of Cambridge, riconosciutt a livello internazionale (www.cambridgeesol.org/exams).

Attualmente aiutiamo i nostri allievi nella preparazione dei seguenti esami:

Classe 10/11 FCE (First Certificate of English) GER B2
Classe 12/13 CAE (Certificate of Advanced English) GER C1

Food for thought…:

”If the English language made any sense, lackadaisical would have something to do with a shortage of flowers.“ (Doug Larson)

Latino

„La vita intelligente su un pianeta raggiunge lo stato di maturità, quando comprende per la prima volta le ragioni della propria esistenza.“ (Richard Dawkins)

Il latino come materia d’insegnamento gode in generale in Italia, ma anche alla nostra scuola bilingue, di particolare considerazione. L’obiettivo non è sono quello di scoprire le radici della lingua italiana, bensì anche quello di indirizzare gli allievi, attraverso accurate traduzioni, ad un utilizzo consapevole della grammatica tedesca e ad un’osservazione linguistica precisa in generale.

L’insegnamento del latino costituisce pertanto un supporto fondamentale all’insegnamento della lingua tedesca. Dal punto di vista contenutistico gli allievi imparano a conoscere l’eredità culturale e spirituale dell‘antichità, e quindi i fondamenti certi della nostra attuale società europea per quanto concerne la politica, la filosofia, il diritto, la religione, la cultura. Con questa conoscenza acquisiscono - nell’analisi e valutazione di discussioni contemporanee - una capacità di giudizio indipendente da correnti legate ai tempi e alle mode. Questo sapere contribuisce ad una più profonda comprensione dei contenuti nelle materie tedesco, storia, filosofia e storia dell’arte.

Il corso di latino dalla classe 6 alla 10 porta al „Latinum“, che gli allievi conseguono se hanno in latino una valutazione almeno sufficiente nella pagella di fine anno della classe 10.

Francese

Voulez-vous parlez avec nous?

Dalla classe otto in poi gli studenti possono scegliere un’ulteriore lingua moderna: il francese, per il quale sono previste quattro ore settimanali di lezione nelle medie, tre ore nel liceo. L’insegnamento del francese è focalizzato sull’aspetto orale della lingua, poiché per l’esame di maturità questa materia può essere scelta solo come prova orale.

La vicinanza di Genova con la Francia è un’ottima occasione per approfondire le conoscenze della lingua e della cultura francese. L’italiano – la base linguistica per la maggior parte dei nostri studenti – facilita molto l’apprendimento di un’altra lingua romanza, per cui di solito consigliamo agli allievi questa scelta. L’impostazione  didattica, decisamente focalizzata sulla comunicazione e sull’espressione orale in generale,  facilita molto ai nostri allievi l’apprendimento della nuova lingua.

Alors, venez! Parlez avec nous!

Biologia

L’insegnamento della biologia alla Scuola Germanica è bilingue, cioè avviene nelle classi 6, 7 e 8 in italiano e nelle classi 5, 9, 10, 11 e 12 in tedesco, e si basa sul programma didattico tedesco del Land Turingia.

L’insegnamento comprende tre ore settimanali di lezione nelle classi 12 e 13, e due ore nelle altre classi.  La biologia può essere scelta come materia all’esame di maturità  sia come prova scritta che orale.

L’insegnamento della biologia trasmette le conoscenze sulle relazioni tra i processi naturali e gli organismi viventi. Spiega l’interazione tra le più piccole unità funzionali degli organismi, le cellule, e i loro componenti, che fanno funzionare la vita. Spiega l’interazione tra gli esseri viventi, la loro interdipendenza e influenza reciproca, e la risultante disposizione ad accogliere influssi esterni, che possono rompere gli equilibri. La conoscenza della complessità dei processi della natura consente di sviluppare la consapevolezza dell’ambiente che ci circonda, e l’attenzione e l’apprezzamento per la vita in generale.

Lo studio del corpo umano nelle lezioni di biologia permette agli allievi di trovare un altro approccio verso se stessi e di sentirsi una parte di questa natura complessa, investiti di responsabilità verso la natura stessa e verso di sé.

Fisica

In fisica l’osservazione e l’analisi di segmenti complessi dell’ambiente circostante richiede buona capacità di comunicazione e d’azione, che vengono incentivate in particolare tramite un adeguato impiego di forme di lavoro autonome e cooperative.

Il raggiungimento di tale obiettivo è supportato alla DSG da un ampia aula specialistica e da una valida e molto aggiornata strumentazione, anche per quanto concerne gli esperimenti condotti degli allievi. La fisica alla DSG è materia d’insegnamento in tutte le classi a partire dalla settima (corrispondente alla seconda classe della scuola secondaria di primo grado).

Chimica

Accanto alle materie fenomeni naturali, biologia e fisica, a partire dalla classe 8 si insegna anche chimica.

La chimica è la scienza delle sostanze, delle loro qualità e reazioni, ma è anche la scienza del mondo invisibile degli atomi, delle molecole e degli ioni.

Diversamente dalle altre scienze naturali alla chimica si attribuisce spesso una connotazione negativa; viene spesso demonizzata anche da numerosi media, come è evidente dall’affermazione: Contiene agenti chimici! Scandali a livello mondiale confermano spesso “l’immagine negativa” della chimica.

Effettivamente i componenti chimici sono molto presenti nei prodotti di uso quotidiano: i dentifrici e le creme antirughe che abbiamo in casa, lo yogurt che conserviamo in frigorifero, il jeans scuro o i prodotti per il trucco – impensabili senza chimica. La chimica rende la nostra vita più sicura (sostanze chimiche per l’isolamento termico,  mezzi di trasporto su ruote, aerei e navi, apparecchi per la comunicazione), più semplice (detersivi, saponi, vetro, ceramica), più lunga (Aspirina, ibuprofene, antidepressivi, Vitamina C…), più bella (colori, profumi, gomme da masticare, rossetti)… Senza chimica la nostra vita non sarebbe pensabile così come la conosciamo. La chimica è dunque una maledizione o una benedizione? Attraverso le lezioni di  chimica gli allievi devono trovare una risposta personale e motivata a questa domanda. Devono imparare ad analizzare e valutare in modo critico tali quesiti.

In chimica si avverte anche l’influsso dell’Italia: in modo molto concreto se pensiamo per esempio a olio d’oliva,  vino, grappa, limoncello, e in campo scientifico con nomi di italiani eccellenti come Avogadro, Volta, Galvani, Sobrero, Natta…

L’insegnamento della chimica ha dapprima un approccio principalmente fenomenologico – accanto ai classici esperimenti dimostrativi vengono trattati quesiti e problemi attraverso esperimenti degli allievi. I risultati raggiunti in modo sperimentale vengono valutati anche dal punto di vista teoretico  e spiegati conformemente allo stato della conoscenze. Gli allievi apprendono anche i procedimenti di lavoro e il modo corretto di utilizzare gli strumenti di laboratorio e le sostanze chimiche. Il nostro laboratorio di chimica e biologia è molto ben attrezzato per il lavoro sperimentale, e dotato di una lavagna multimediale. L’insegnamento della chimica si basa sui programmi didattici del Land Turingia. La chimica può essere scelta come prova di maturità orale o scritta.

Musica

Il corso di Musica, volto a dare all'allievo una conoscenza generale della disciplina, è strutturato principalmente su due filoni: quello più strettamente legato allo studio ed alla comprensione della teoria (grammatica musicale) e quello storico dedicato all'evoluzione dell'arte dei suoni dai popoli primitivi fino alle avanguardie musicali del primo e del secondo Novecento.
Accanto a questo importante percorso didattico, sono previsti incontri, conferenze, visite, partecipazione a concerti e spettacoli teatrali in orario scolastico e non. Le lezioni si tengono nell'attrezzato Musikraum e l'offerta formativa comprende anche un'attività di  orchestra e di coro in cui sono protagonisti gli alunni stessi.
Strettamente collegata al Dipartimento di Musica è l'Associazione culturale "Voci di due Paesi" della quale Vi invitiamo a visitare il sito presente nella stessa homepage della scuola.

Educazione artistica

Sehen – fühlen – denke - gestalten

Vedere – percepire – pensare – creare

L’educazione artistica dà un contributo fondamentale alla completezza della formazione della persona e della cultura generale, che comprendono e mettono tra loro in relazione loro l’azione, il pensiero e la sensibilità. Questa materia, in virtù della sua molteplicità di forme, metodi e contenuti  d’insegnamento, si presta in modo particolare alla collaborazione con altre materie e conduce i nostri allievi ad una migliore comprensione di se stessi e del loro ambiente culturale. In primo piano è l’apprendimento attraverso l’esperienza. Esercitazioni aperte consentono di incentivare la molteplicità delle espressioni individuali e il rinforzo – ad esse connesso – dell’autonomia e della creatività degli allievi.

La trattazione dell’arte di diverse epoche apre nuove prospettive e consente di sperimentare il mondo in modo più aperto, più consapevole e differenziato, nonché partecipativo.  Il raggiungimento di questo obiettivo è supportato da escursioni mirate nei punti culturalmente significativi di Genova. L’educazione artistica accompagna gli allievi della Scuola Germanica di Genova attraverso le fasi dello sviluppo dalla scuola primaria fino alle ultime classi del liceo. In classe 11 (secondo il sistema G8) l’educazione artistica diventa materia “a scelta obbligata” insieme con l’educazione musicale, vale a dire è obbligatorio scegliere una delle due: la scelta comporta una valutazione consapevole dei propri interessi e delle proprie capacità. La capacità di giudizio si sviluppa osservando, confrontando e valutando i propri lavori e quelli dei compagni.

Storia dell’Arte

La materia bilingue Storia dell’Arte viene insegnata per quattro anni in pari proporzioni in tedesco e in italiano e accompagna gli allievi attraverso la storia dell’arte fino all’esame di maturità. L’insegnamento è incentrato sull’analisi approfondita di opere d’arte italiane e tedesche dall’antichità fino ai giorni nostri.

Trattiamo le idee e le condizioni sociali che hanno reso possibili o necessarie le opere d’arte, così come l’effetto dell’arte sugli osservatori di allora e di oggi. Un’attenzione particolare è dedicata agli artisti le cui opere si possono ammirare  nei musei e nelle piazza di Genova e dintorni, e agli architetti che hanno dato l’impronta alla città.

Storia

La storia si insegna alla Scuola Germanica in italiano fino alla classe 8, in tedesco dalla classe 9 fino alla Maturità. Partendo dalla preistoria e dalla protostoria, si arriva con procedimento tematico fino al tempo presente, facendo ripetutamente confronti tra la storia italiana e la storia tedesca.

Geografia

L’insegnamento della geografia prevede due ore settimanali di lezione nelle classi dalla 5 alla 10. La lingua d’insegnamento è l’italiano nelle classi 5 e 8: in questi classi il programma di geografia tratta l’Italia e le regioni, oltre alla geografia fisica.

Nelle classi 6, 7, 9 e 10 l’insegnamento avviene in lingua tedesca: Il programma comprende la Germania, l’Europa e le zone climatiche, nonché la trattazione di problematiche di fondo come la crescita della popolazione mondiale.

Religione

L’insegnamento della Religione Cattolica si tiene normalmente per un’ora alla settimana a partire dalla classe 1. Nelle classi 5, 10, 11 e 12 si tiene per due ore e segue i programmi delle scuole tedesche all’estero. Generalmente le lezioni si svolgono in lingua italiana e gli insegnanti ottengono la nomina dalla Curia Arcivescovile di Genova.

Per l’anno scolastico 2017/18 non è previsto l’insegnamento della Religione Evangelica, normalmente tenuto il lingua tedesca. Il responsabile è il/la Pastore Luterano/a di Genova. Le lezioni si svolgono in lingua tedesca.

L’istruzione religiosa, sia cattolica che evangelica, ha come obiettivo la familiarità degli studenti con i concetti cristiani della vita, dando loro la possibilità di poter seguire un modello di vita cristiano. Tuttavia la comprensione della religione e della fede si svolge nel confronto con le altre religioni e fornisce l’accesso alle domande della vita, incoraggiando gli alunni ad agire in modo indipendente e responsabile davanti a Dio e agli altri.

 

Educazione fisica

Attraverso le attività di movimento, che si svolgono prevalentemente in forma ludica, vengono affinate le capacità di percezione spazio-temporali e sviluppate qualità fisiche come la destrezza, l’equilibrio, la coordinazione, la velocità e la resistenza.  

Vengono inoltre aumentate le facoltà mentali come la concentrazione e la risoluzione di questioni tecnico-tattici.  Si pone l’accento sullo sviluppo delle capacità di valutazione delle proprie capacità e di rispettosa relazione con il prossimo, sia come singolo che come gruppo, per la definizione di un comune obiettivo e del suo raggiungimento.

A partire dalla classe 9 si approfondiscono tecniche e tattiche di discipline individuali (nuoto, atletica) e di gruppo (pallavolo, basket, pallamano, calcio, badminton, hockey, palla pugno, dodgeball ecc.). È previsto, inoltre, lo studio dell’anatomia e della fisiologia umana in relazione allo sport, nonché nozioni di pronto soccorso.

 

Torna all'inizio